Selvaggia Lucarelli contro Laerte Pappalardo

Selvaggia Lucarelli è (o meglio dire era) nota soprattutto per il suo blog dove esercita una facile ironia sulle faccende del gossip e per il suo libro, dal titolo che è tutto un programma “Mantienimi”. Ha sposato Laerte, figlio del celeberrimo cantante, ma poco dopo lo ha lasciato. Salvo ovviamente continuare a tenere impegnati i cronisti di gossip con le sue vicende.

Basta poco per scatenare gossip! Lo sa bene Selvaggia Lucarelli che lavora a stretto contatto con la cronaca rosa! A quanto pare la mamma di Leon è stata vittima di un disguido che potrebbe aprire un fronte di guerra con il terzo classificato all’Isola dei Famosi 2011. Stiamo ovviamente parlando di Laerte Pappalardo!

Stando alle ultime indiscrezioni, Selvaggia si sarebbe lasciata sfuggire un sms al veleno contro il suo ex compagno. Il messaggio, infatti, è stato inviato a una Pr milanese che l’ha subito reso pubblico. I curiosi saranno accontentati perchè il testo è il seguente: “Questo morto di fama fa il pagliaccio in tv e non mi ha lasciato nemmeno i soldi per riparare lo scaldabagno“. Passano un pò di tempo che arriva subito la smentita. Selvaggia ha mandato sì un messaggio ma è stata ben attenta a non insultare il papà di suo figlio!

Dopo i commenti della Lucarelli su Nina Moric e Laerte, la cronaca rosa si tinge di giallo! La mamma di Leon ci tiene a smentire l’indiscrezione, anche perchè di mezzo c’è un bambino. E così sul suo blog ufficiale fa sentire chiara e forte la sua voce. Speriamo che gli amanti del gossip e non solo diano credito alle sue parole! D’altronde fare la mamma in carriera è un lavoro molto stressante.

Intanto si attende la replica di Laerte Pappalardo. Speriamo che l’Isola abbia cambiato il naufrago. Un pò come è successo a Nina Moric che  stata capace di concedere il suo perdono a Fabrizio Corona dopo la fuga con il piccolo Carlos. In fondo si tratta solo di  buon senso!

Selvaggia Lucarelli contro Laerte Pappalardoultima modifica: 2011-04-27T15:30:56+02:00da gossipstar2
Reposta per primo quest’articolo